sabato 7 maggio 2011

Boccioli di tarassaco sott'olio, una gustosa variante

Prima che la stagione del tarassaco finisca, volevo provare una nuova ricetta. L'anno scorso vi avevo proposto una semplicissima ricetta per fare i boccioli di tarassaco sott'olio e anche quelli sotto sale. Due modi di preparare i boccioli che hanno sempre riscosso grandissimo successo.


Quest'anno invece vi propongo una variante più gustosa, con l'aggiunta di qualche elemento che valorizza ulteriormente il particolare sapore dei boccioli.



Dopo aver lavato con cura i boccioli e averli lasciati asciugare, si ricoprono con del sale per qualche ora (meglio sarebbe per una notte intera).
Poi fate bollire in un pentolino una tazza di aceto e una tazza di vino bianco secco, insieme a due spicchi d'aglio e una foglia di alloro. Quando bolle, aggiungete i boccioli (dai quali nel frattempo avrete tolto il grosso del sale) e lasciateli bollire per un minuto.
Scolateli e metteteli ad asciugare su uno strofinaccio pulito. Inseriteli poi in un vaso di vetro e ricopriteli con olio extravergine di oliva.
Si possono consumare, dopo un mese di riposo in dispensa, in aggiunta alle insalate o come sostituti dei capperi.
Sia con questa ricetta che con quelle che vi ho suggerito l'anno scorso, ne preparo solo uno-due vasetti per tipo. E visto il tempo impiegato a raccoglierne una adeguata quantità, li apro solo per occasioni speciali!

8 commenti:

  1. ci manca!!!
    e noi che pensavam d'aver fatto chissà cosa con la nostra frittata...
    http://www.equazioni.org/index.php/2011/04/13/frittata-ai-fiori-di-tarassaco/
    ;)

    RispondiElimina
  2. signoraanamaria10 maggio 2011 18:52

    Ciao, non so se lo hai già scritto ma si possono usare anche al posto dei capperi. Io li salo e li metto in buon aceto. Qualche tempo e voilà...sono ottimi! La Signorannamaria

    RispondiElimina
  3. Ciao! Oggi sono andata a raccogliere i boccioli di tarassaco! Mi è sorto un dubbio! Devo raccogliere solo quelli vicino alla radice o posso raccogliere anche quelli già alti sullo stelo (che sono però più grandi e di colore più scuro-e si intravede già il fiore giallo all'interno)? ciao

    RispondiElimina
  4. @ Angela: puoi usare sia i boccioli appena spuntati che quelli già più grandi. Non ci sono problemi, visto che i fiori di tarassaco si possono mangiare in insalata o in pastella anche quando sono ben sbocciati. L'ideale però sarebbe prendere le tenere roselline alla base, che sono ben chiuse, non rischiano di aprirsi con la bollitura e come risultato estetico assomigliano davvero tantissimo ai capperi!

    RispondiElimina
  5. nei tempi antichi dalle nostre parti veniva preparato il vitello tonnato con i boccioli del tarassaco al posto dei capperi. Quindi, si trituravano i boccioli previamente lessati in acqua e aceto con alloro e rosmarino ed uno spicchio d'aglio, sale. Si mescolavano con la maionese triturati finemente insieme al tonno e si spalmava la salsa tonnata sulla carne prima lessata e poi fatta a fettine di un millimetro di spessore l'una. Che bei tempi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbe bello che queste abitudini culinarie e soprattutto l'abitudine a raccogliere quanto si trova in natura potessero tornare a far parte delle nostre vite... Utopia? Secondo me no... Certo, oggi si lotta con il tempo, ma con un po' di organizzazione penso che almeno qualche piccola cosa la possiamo fare!
      Grazie per aver scritto la ricetta! Sembra davvero ottima! Chissà, magari quando sarà il tempo del tarassaco la proverò.... Io una salsina così me la spalmerei anche sul pane... slurp :P
      Grazie ancora!

      Elimina
  6. Grandioso! Ho solo dei dubbi circa l'entità dei boccioli che ho raccolto: ultimamente mi hanno detto che c'è una pianta molto simile al tarassaco, ma che non è commestibile. Io ho fatto una foto ai boccioli che ho trovato nei prati qui intorno (rigorosamente lontano dalla strada): come posso inviarla per un consiglio? Se non c'è modo, l'unico indizio che posso darvi è che mi sembra che il profumo sia lontanamente simile a quello dello zafferano: é lui o non è lui?

    Poi, altra domanda: il piccolissimo pezzettino di gambo bucato che c'è attaccato ai boccioli, posso lasciarlo per questa preparazione?

    Grazie e complimenti per il Blog, che ho salvato tra i preferiti in quanto l'ideale della "mamma trafficona" mi rispecchia in pieno - tranne che quando "imbocco la strada sbagliata" lascio passare del tempo (forse troppo) prima di rimettermi in gioco.

    Spero di ricevere presto una risposta: c'è un raro spiraglio di sole, fuori...e se uscissi per raccogliere questi boccioli, potrei riuscire a preparare moltissimi vasi: qui è pieno!!!

    bye bye

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusami se rispondo solo ora ma sono stata qualche giorno via in ferie!
      Puoi inviarmi la foto per email (basta che clicchi sulla bustina con @ in alto a dx).

      Per il pezzetto di gambo, dovrei vedere cosa intendi per piccolissimo. Se tagli il bocciolo alla base dovrebbe rimanerne proprio il minimo indispensabile, alcuni ho visto che tolgono anche la coroncina che hanno attorno, io la tengo invece, sembrano più naturali.

      Grazie per i complimenti e per la visita, attendo la foto allora!

      Elimina