mercoledì 26 settembre 2012

E la luffa?


Tra orto, giardino e orto in balcone, avevo scordato di scrivere di un altro degli esperimenti di quest'anno... la coltivazione della luffa.

Che poi coltivazione è una parola grossa, trattandosi di un'unica piantina. 
Ad aprile avevo interrato due semini, sperando che entrambi riuscissero a germogliare. Dopo giorni e giorni (oltre 25!) di attesa, è finalmente spuntata una piantina. L'altra purtroppo niente.

Una volta diventata abbastanza grande, l'ho trapiantata in vaso e posizionata in prossimità di un muretto con sopra una staccionata, in modo da facilitare il "rampicamento".

Ora fuori è troppo freddo, così l'ho portata in casa, facendola arrampicare sul corrimano delle scale interne. Continua ad allungarsi, ormai è quasi 3 metri. Speriamo che riesca a fiorire e a produrre almeno qualche frutto. 
Mi accontenterei anche di uno solo, tanto per fare semente... Se poi invece riuscisse a farne di più, meglio: ho proprio bisogno di spugne sia per la cucina che per il bagno.

L'errore che ho fatto è quello di non considerare che la luffa ha un ciclo di vita molto lungo, anche fino a 180 giorni, che è praticamente metà anno! Quindi l'ho seminata troppo tardi, con il clima che c'è qua in montagna avrei dovuto metterla in semenzaio almeno a marzo e poi tenerla in casa fino alla bella stagione.

Se anche voi volete provare ad autoprodurre spugne, coltivando la luffa, trovate i semi in vendita su questo sito, mentre qui trovate una miniguida per coltivare la luffa. L'avessi trovata prima, non avrei sbagliato periodo di semina!
Vi farò sapere come andrà e se riuscirò comunque ad avere qualche minispugna.

15 commenti:

  1. Certo che sei piena di risorse!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro... ci provo! Poi i risultati sono quelli che sono, come in questo caso...!

      Elimina
  2. Fortissima, non sapevo neanche esistesse, ottima coltura, molto utile, adesso la cerco in giro! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì infatti, da autoproduttrice incallita mi entusiasma il fatto di potermi autoprodurre anche le spugne! Così si eliminano le spugnette abrasive in cucina e si hanno delle ottime spugne esfolianti per il bagno... E una volta consumate, essendo vegetali, vanno nel compost! Quindi anche zero rifiuti!

      Elimina
  3. come sono contenta di avere letto il tuo post!
    da tempo rimuginavo questa cosa,insomma volevo produrmi le spugne piantando il magico seme!
    ora grazie ai tuoi riferimenti me lo procuro e parto con l'esperimento!!!
    graaaaaaaaaaaazieeee sono proprio contenta!!!
    a presto!

    Ps. poi ti faccio sapere eh!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se le compri, nella bustina ne troverai 4-5 di semini, quindi se ne vuoi più di un paio di piante, devi comprare due buste.
      Secondo me autoprodursi le spugne è veramente una gran cosa, a costo praticamente zero (i semini il primo anno, ma poi li recuperi da un frutto, i vasi e l'acqua) e lavoro pure zero (solo le innaffiature).
      Fammi sapere come va! ciao

      Elimina
  4. si voglio proprio vedere se ci riesci! Te lo auguro!!! La mia luffa, che è stata piantata tardi e probabilmente in un posto non ben assolato non è riuscita ad arrivare alle dimensioni della tua!! Ma l'hai tenuta sempre nel vaso o l'hai interrata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre in un grande vaso di 40-45 cm di diametro! Se avrò la grazia di fare un minimo di "raccolto", sarai la prima ad avere una scorta di sementi!

      Elimina
    2. o grazie ben volentieri! Ricambierò con i miei tentativi di sementi di rapanello e insalata trentina! ciao

      Elimina
  5. Le spugne... anche loro! Brava. Vien voglia di provare :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La possibilità di autoprodursi spugne è poco conosciuta, ed è un peccato visto che è alla portata di tutti, anche di chi non ha orto o giardino (si può anche tenerla sempre in vaso in appartamento, finchè ha concluso il suo ciclo vitale e si secca). ciao!

      Elimina
  6. Ma che cosa meravigliosa!!! Nn si smette mai di imparare!!! Non ne avevo mai sentito parlare!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io fino a qualche anno fa non la conoscevo, o meglio usavo le spugne di luffa acquistate, ma mai avrei immaginato che provenissero da una specie di zucchina!
      Hai ragione, non si finisce mai di imparare!

      Elimina
  7. ciao , mi sono arrivati i semi di luffa!
    mi sono stamapata la guida che consigli ed ora mi metto all'opera!!!
    ti aggiorno!
    a presto
    Ste

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io seminati proprio ieri! fammi sapere! ciaociao

      Elimina