martedì 10 maggio 2011

Tradizioni: il dirndl

Il dirndl un tempo era l'abito tradizionale delle contadine delle Alpi (e sembra anche delle serve austriache fino alla fine del 1800), mentre con il passare dei tempi e la scomparsa o quasi dell'agricoltura di montagna, si è trasformato in un abito elegante, per le feste.






Soprattutto in Alto Adige capita spesso, soprattutto alla domenica o durante feste particolari, di vedere le donne vestite con il dirndl. Da noi invece non è una cosa così presente (se non nella vicina Val di Fassa, dove ha ancora molta importanza) anche se siamo a pochi metri dall'Alto Adige e spesso il dirndl è relegato al ruolo di divisa per le cameriere degli agritur o dei ristoranti tipici.

A me è sempre piaciuto, mi ricorda la mia infanzia e la storia della mia terra. Penso sia importante mantenere l'identità e le tradizioni di un territorio, stando però attenti che il tutto non si trasformi in una buffonata in costume o nella solita rievocazione storica a fini turistici...

Non ho mai posseduto un dirndl completo (nonostante sia un vestito semplice, fatto di camicetta, vestito con blusa e gonna e grembiule, può essere anche mooooolto costoso!) e così quando ne abbiamo casualmente trovato uno a ottimo prezzo (poco più di 30 euro, nuovo), lo abbiamo comprato ad Angela. A dire il vero, alla fine, lo hanno comprato i nonni...


Sembra proprio fatto per lei, vero? 

3 commenti:

  1. Bellissimo e bellissima Angela! Mantienilo in buono stato che tra un po' di anni lo ricicliamo alla sorellina di Francesco! Ciao

    RispondiElimina
  2. ricambio la visita, complimenti x il blog interessantissimo!

    RispondiElimina
  3. sono elena di bobbe.it ciao!

    RispondiElimina